Giulia Pettinau, CEO di Orangogo, si è aggiudicata il secondo posto agli Young Female Entrepreneur of the Year Award 2020, organizzati da Youth Business International (YBI) e Citi Foundation per premiare le giovani donne imprenditrici in Europa.

Il premio Young Female Entrepreneur of the Year si è svolto via streaming il 20 ottobre e ha celebrato 11 delle giovani imprenditrici europee più innovative, che fanno parte dei 26.000 giovani imprenditori che il programma Youth Business Europe ha sostenuto negli ultimi cinque anni, con un pacchetto su misura di formazione imprenditoriale e di supporto tramite business mentoring. Il programma è parte dell’iniziativa Pathways to Progress lanciata da Citi Foundation, che ha l’obiettivo di aiutare ad affrontare la disoccupazione giovanile e l’accesso ad un lavoro dignitoso.

La vittoria è stata annunciata  da Pip Jamieson, fondatrice e CEO di The Dots. Giulia è stata premiata per il suo eccezionale lavoro nella creazione di Orangogo, un motore di ricerca online che consente agli utenti di trovare club sportivi nelle vicinanze utilizzando la geolocalizzazione e altri filtri. 

Giulia descrive l’azienda come una start-up innovativa che ha lo scopo di aiutare le persone a scoprire il proprio talento sportivo. “Orangogo ora impiega 18 persone, 15 delle quali sono donne. L’azienda ha in programma di espandere il servizio in Francia”. 

Giulia è stata supportata nel suo percorso imprenditoriale dai Business Mentor dell’Associazione MicroLab, parte del network Youth Business Europe.

Il programma Youth Business Europe ha formato e guidato giovani imprenditrici per fornire loro le competenze, la fiducia e le connessioni necessarie per diventare imprenditrici di successo. La partnership YBE comprende 11 organizzazioni membri YBI in 10 paesi: Belgio (microStart), Francia (Adie, Positive Planet), Germania (KIZ), Italia (MicroLab), Irlanda (Inner City Enterprise), Kazakistan (MOST Business Incubator), il Paesi Bassi (Qredits), Russia (sostenuta congiuntamente dal membro di YBI Youth Business Russia insieme a Impact Hub Moscow), Spagna (Youth Business Spain) e Svezia (Swedish Jobs and Society).

Bonnie Chiu, Managing Director, The Social Investment Consultancy, si è congratulata con tutte le 11 finaliste del premio, sottolineando l’importanza di abbattere le barriere che limitano l’ingresso delle donne nel mondo imprenditoriale:

“Crescendo non ho avuto modelli di riferimento a cui guardare come donne imprenditrici. Quando penso a un imprenditore penso a persone che sono sul campo, a servizio delle loro comunità, che fanno il lavoro più duro. Sono quelli che fanno andare avanti le nostre economie. La maggior parte delle imprenditrici guarda alla propria attività come a un modo per sostenere la società. In tempi come questi ne abbiamo più che mai bisogno. “

Pip Jamieson, fondatrice e CEO di The Dots, ha dichiarato rispetto alla rete Youth Business Europe :

“Ci sono diverse sfide da affrontare come imprenditrice donna. Non essere solo e far parte di un network come Youth Business Europe è molto importante “, e ha sottolineato l’importanza di creare un business incentrato sul bene sociale:” La cosa che mi ha consentito di superare i momenti difficili come imprenditrice è stato che abbiamo sempre avuto uno scopo sociale al centro del nostro business. Lo scopo sociale mi ha aiutato a perseverare nei momenti difficili in cui avrei potuto arrendermi. Ho combinato ciò che amo fare, ciò in cui sono brava, ma soprattutto ciò di cui il mondo ha bisogno. Si tratta di cercare di rendere il mondo un posto migliore. Non c’è mai stato un momento migliore nella storia per essere un’imprenditrice donna “.

Anita Tiessen, CEO di YBI, ha chiesto un maggiore sostegno da parte dei governi sulla scia della pandemia di coronavirus, affermando: “Sono incredibilmente orgogliosa di ciò che tutti i finalisti di oggi hanno raggiunto. Ogni donna che riesce nel suo business ci porta un passo più vicino all’uguaglianza di genere nel mondo imprenditoriale. Ma mentre i governi di tutto il mondo pianificano la ripresa economica, non possiamo rischiare di lasciare indietro una generazione di ragazze e giovani donne. Abbiamo urgente bisogno di loro per ricostruire meglio e creare le PMI che sono vitali per le nostre economie e comunità “.

Silvia Boschetti, responsabile per gli affari pubblici e gli affari governativi di Citi in Italia, ha dichiarato: “Come migliaia di imprenditori con cui abbiamo lavorato, le undici finaliste talentuose e resilienti che celebriamo oggi avevano bisogno di supporto per trasformare la loro idea in un business di successo. Le imprese di proprietà di donne non sono secondarie. Le finaliste del premio Young Female Entrepreneur of the Year stanno colmando le lacune nei loro mercati e escogitando soluzioni innovative per affrontare i problemi che fronteggiamo in un momento davvero difficile per le nostre economie e comunità “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.